Il 1969 passera' alla storia come l'anno della Luna, ma per i lettori di Urania e dei Classici Urania sara' stato un anno come tutti gli altri. "Modulo" che atterra, deserti di finissima polvere, crateri e crepacci, feroci sbalzi di luce e temperatura, non c'e' particolare lunare che non sia gia' stato spiegato sulle pagine della nostra rivista, per merito soprattutto di Arthur C. Clarke, lo scienziato-scrittore che orbita da quasi vent'anni attorno al nostro satellite. In questo classico, anzi, Clarke salta addirittura duecento anni avanti a noi, quando i pianeti del sistema solare, tutti colonizzati, formeranno una federazione indipendente dalla Terra, e la Terra non li vedra' di buon occhio, e la Luna si trovera' presa tra due fuochi, oggetto di un'altra gara Spaziale, di un'altra corsa alla conquista, di altri, ma ben piu' micidiali esperimenti.
Loading...